Non Stop News

Elodie: No alle quote rosa, per aiutare le donne puntiamo sull’educazione

Il nostro editorialista, Davide Giacalone, nel consueto appuntamento con la rassegna stampa in Non Stop News, oggi è partito dal dibattito sulle feste di Natale. Giacalone ha sottolineato come appaia lunare, ormai, occuparsi in modo così ossessivo delle feste in arrivo, dimenticando aspetti di ben altro rilievo. Con tutto il rispetto, ha notato, per l’industria della ristorazione e del turismo, dovremmo occuparci della scuola, almeno con lo stesso entusiasmo riservato al Natale. A tutt’oggi, poco o nulla sappiamo. Soprattutto, non abbiamo messo mano ad una scuola diversa e finalmente in grado di preparare i nostri ragazzi alla competizione dei prossimi anni. Un peccato mortale, mentre parliamo di cenoni. Passando alle polemiche che hanno coinvolto il professor Crisanti, per le sue parole sul vaccino anti-Covid, Davide Giacalone ha lodato la chiarezza con cui oggi il professore ha ribadito che le nostre speranze sono tutte riposte nei vaccini. Detto questo, manca però un aspetto fondamentale: il richiamo alle autorità regolatorie, che avranno l’ultima parola. Ultima parola che non spetta né a Crisanti, né a nessuno dei suoi colleghi, con cui continua lo spettacolo abbastanza indecoroso dell’astio e della rivalità personale. È ora, ha esclamato Davide Giacalone, che il bar di virologi chiuda! Ancora, una riflessione sui ritardi del sistema sanitario nazionale, uscito con le ossa rotte dalla crisi determinata dal coronavirus. Secondo Davide Giacalone, stiamo pagando la scellerata riforma del titolo V della Costituzione, quella regionalizzazione voluta in omaggio a un’idea di federalismo, che ha creato guasti, inefficienza è un’incredibile esplosione di costi. Ospite anche Domenico Campanaro fondatore di Edusogno, start-up che mira a permettere agli studenti italiani di coltivare il sogno, appunto, di andare a studiare in alcune delle più prestigiose università al mondo. Domenico Campanaro ci ha raccontato il suo percorso, fatto di impegno e incredibili tappe a Zurigo, Oxford, MIT di Boston, sempre e solo grazie alle borse di studio ottenute per merito. Una curiosità: nel suo caso, le tasse universitarie più alte le ha pagate negli anni al Politecnico di Bari. Con Max Biaggi, abbiamo parlato della chiusura della stagione del Motomondiale 2020, con i trionfi di Bastianini in Moto 2 e Arenas in Moto 3. Bella la storia dell’azzurro, che riesce a centrare il mondiale appena nella sua seconda stagione in Moto 2. Quanto alla Moto 3, Max Biaggi si è detto non molto soddisfatto dell’andamento del suo team, il Max Racing, ma è il momento di essere già concentrati sulla prossima stagione. Da oggi, infatti, via ai test a Jerez, per il mondiale che verrà… Con Maurizio Martina abbiamo parlato, partendo dal suo libro ‘Cibo sovrano: le guerre alimentari globali al tempo del virus’, delle insopportabili storture del mondo alimentare e fra diverse aree del globo. Tutto questo, ha sottolineato Maurizio Martina, aggravato dall’impatto della pandemia. Ci sono immagini che mi hanno profondamente colpito - ha ricordato l’ex-ministro - in piena prima ondata della pandemia, mentre i produttori erano costretti a buttar via quintali di produzione impossibile da far arrivare ai mercati, c’erano migliaia di persone in fila per avere un pasto caldo. Sono storture incredibili, intollerabili in una società che voglia dirsi civile e moderna. Così come è insostenibile un sistema in cui, ricorda Martina, su 100 € di spesa solo 2 arrivino al produttore. Uno squilibrio che non può lasciarci indifferenti. Elodie sarà la protagonista della suite 102.5 Prime Time Live, questa sera a partire dalle 21.00. Con lei, abbiamo ragionato della bellezza di tornare a fare musica live, anche se in queste forme forzatamente diverse e più intime. L’importante, però, è esserci e fare musica per un pubblico affamato di emozioni positive. Elodie ci regalerà sorprese e anche versioni riarrangiate di alcuni dei suoi successi. Parlando della settimana di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, la data cardine è quella del 25 novembre, Elodie ha sottolineato l’importanza di questo tipo di ricorrenze per tenere sempre alto e vigile il dibattito. Si è dichiarata personalmente del tutto contraria, invece, alle quote rosa. ‘È qualcosa, ha sottolineato, che mi fa sentire in una riserva, non mi piace’. ‘Punterei tutto, invece, sull’educazione delle nuove generazioni. Perché sono i bambini - continua Elodie - la nostra speranza, nessuno di loro nasce con i preconcetti delle differenze e del sospetto. Partiamo da loro’. All’interno di Non Stop News, con Giusi Legrenzi, Pierluigi Diaco e Fulvio Giuliani.