Matteo Flora a RTL 102.5

In collegamento in Non Stop News

Ieri il crash di Google ha scatenato il panico sui social e non solo. Le ipotesi sono tante. C’e’ forse un collegamento con l'hackeraggio che ha messo in difficolta' il governo americano?Matteo Flora, professore a Pavia, dove insegna corporate reputation, e imprenditore digitale, ha detto che non è possibile che ci sveglieremo una mattina e ci troveremo senza Google di punto in bianco, anche se alcuni dei servizi come ad esempio quelli delle fotografie, diventeranno a pagamento dall’anno prossimo. Quello che è successo ieri ci ha fatto capire che i nostri dati non li abbiamo sotto mano, e quindi dovremmo pensare ogni tanto di scaricarli e metterli in un nostro archivio personale. Per quanto riguarda l’attacco, lo abbiamo pensato tutti. In questa settimana gli attacchi sono all’ordine del giorno, ma da quello che dice Google, la causa sembra sia stato un errore umano, dove il meccanismo di autenticazione non ha funzionato e Google, non riuscendo a riconoscerci, ci buttava fuori dai servizi. La risposta di Google è stata velocissima e in meno di 45 minuti ha risolto il problema.All’interno di Non Stop News, con Giusi Legrenzi, Pierluigi Diaco e Enrico Galletti